Nuove tecnologie

Microsoft ottiene il brevetto per “rianimare” i morti in “chatbot” 3D

Sembra uscito da un episodio di Black Mirror.

Microsoft ha ottenuto un brevetto per una tecnologia che “rianimerebbe” i morti ricreandoli attraverso i post sui social media, video e messaggi privati ​​che potrebbero anche essere scaricati in un modello 3D realistico del defunto.

Per nulla inquietante….

“Il gigante della tecnologia ha avanzato la possibilità di creare un chatbot [Chatbot  è un software progettato per simulare una conversazione con un essere umano] basato sull’intelligenza artificiale che sarebbe costruito sul profilo di una persona, che include le sue “immagini, dati vocali, post sui social media, messaggi elettronici “, tra gli altri tipi di informazioni personali” riporta IGN. “Resta inteso che il chatbot sarebbe quindi in grado di simulare una conversazione umana tramite comandi vocali e / o chat di testo”.

Il brevetto spiega che il chatbot potrebbe essere una figura storica, una celebrità, un amico o un parente o anche una copia dello stesso utente.

Il brevetto sembra letteralmente uscito da un episodio di Black Mirror, la serie distopica creata da Charlie Brooker.

In un episodio chiamato Be Right Back, il fidanzato di una giovane donna di nome Ash viene ucciso in un incidente d’auto ma lei decide di riportarlo indietro sotto forma di una tecnologia che utilizza l’intelligenza artificiale per imitare i modelli di discorso, i modi e la conoscenza del suo amante.

Questo Ash virtuale viene quindi scaricato in un corpo sintetico, ma la donna fatica ad accettarlo come sostituto del suo vero fidanzato e finisce per bloccare l’androide in una soffitta.

Le élite transumaniste sognano da tempo di poter raggiungere l’immortalità preservando la loro coscienza dopo la morte caricandola su un computer.

Nel suo libro The Age of Spiritual Machines, il futurista Ray Kurzweil ha predetto che gli umani caricheranno le loro menti sui computer entro il 2045 e che i corpi saranno sostituiti da macchine prima della fine del secolo.

“Diventeremo sempre meno biologici fino al punto in cui la parte non biologica domina e la parte biologica non sarà più importante”, ha detto Kurzweil. “In effetti la parte non biologica – la parte della macchina – sarà così potente da poter modellare e comprendere completamente la parte biologica. Quindi, anche se quella parte biologica scomparisse, non farebbe alcuna differenza“.

“Avremo anche corpi non biologici: possiamo creare corpi con la nanotecnologia, possiamo creare corpi virtuali e realtà virtuale in cui la realtà virtuale sarà realistica come la realtà vera. I corpi virtuali saranno dettagliati e convincenti quanto i corpi reali ”,

ha aggiunto.

In altre parti del libro, Kurzweil ha chiarito che tale tecnologia sarebbe stata disponibile solo per le élite ricche e che il resto dell’umanità sarebbe probabilmente diventato una classe di schiavi o sarebbe stato spazzato via del tutto.

Il futuro è luminoso.

Fonte: neovitruvian

Tratto da: liberopensare

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

3 commenti su “Microsoft ottiene il brevetto per “rianimare” i morti in “chatbot” 3D

  1. egr. N.G.
    un OT che nulla che vedere coll’articolo.
    ho fatto sul tuo blog sei interventi “dialettici” (tutti dimostrabili).
    nel tuo articolo Palamara rivela: «Napolitano fu regista delle inchieste su Berlusconi» ho inserito un mio intervento che spiega chi è Palamara (anche per quella magistratura italiana che dovremmo tutti appoggiare), chi è Napolitano e chi Berlusconi e Sallusti…
    l’intervento è stato postato sia da Mozilla che da Tor il 27 e 28 us, a me risultano in moderazione da Mozilla e inesistenti da Tor.
    Il chi è Berlusconi inserito è stato scritto su DataBase Italia ed è subito comparso il troll di “stato” (se si pensa che siano caxxate…?).
    Io non penso che il censore sia “wordpress” con cui ho, se così si può dire, “buoni rapporti”.
    Poiché sono loico, anche se per esperienza e da “autodidatta”, le ipotesi, detto con schiettezza, sono due: 1) il tuo blog è, in un certo senso e tuo malgrado, commissariato dal “signor censore” (v. E. Bennato ); 2) o il censore sei tu.
    Oppure bisogna conoscere D. Estulin “il Tavistock”, almeno il primo capitolo.

    "Mi piace"

  2. caro N.Z. che devo dire di questa tua risposta che vedo solo ora? tu affermi che censuri solo commenti volgari e offensivi… mentre io dico che la censura non dipende affatto dalla “moderazione” di wordpress.
    Poichè poi lo hai pubblicato il commento saprai che non era volgare e offensivo.
    trovare il responsabile altrove? altrove dove se chi ha prima “boicottato” poi ha pubblicato? (forse che questo sia avvenuto a tua insaputa? se si è grave, o no?)
    Ricordo che su questo blog si è scritto della Donazione di Lincoln e quella si che è affermazione troll sia per il precedente di L. Valla sia per altro che scrivo qui: a Lincoln attribuiscono la creazione dei “Greenbacks” a cui si rifece Kennedy ed entrambi i presidenti furono assassinati… per cui quale Donazione di Lincoln?
    Poi leggo nel tuo ultimo articolo che Saccheti è un grande giornalista…
    forse questo è il motivo per cui all’enesimo scoop di costui un mio commento è in moderazione (c’è un solo errore alla fine del primo link laddove quello esatto è “comment-2417”)? Ma la ragione la dovrò cercare altrove?
    Infine ho chiesto una risposta per capire se la conoscenza di cui sono portatore interessa o no. Rispondere si o no non modifica nè me nè te: è solo cortesia ed evita affanni.
    un saluto

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: