Opinioni

Cosa spingerà l’esercito a muoversi contro Biden (non vi piacerà)

Aggiornamento della situazione per il 25 gennaio 2021 - L'innesco per l'esercito a muoversi contro Biden (non vi piacerà)

(Natural News) Molte persone non vorranno ascoltare l’aggiornamento della situazione di oggi, anche se offre ancora molti elementi di azione che giustificano l’ottimismo. Quello che la gente vuole sentire sono soluzioni immediate: “Joe Biden sarà rimosso entro sabato” o “ci saranno nuove elezioni il 4 marzo sotto la repubblica restaurata”.

Mi dispiace segnalare che queste affermazioni non sono probabili a questo punto.

Sulla base delle informazioni che sto ricevendo, Trump non sarà ripristinato come presidente entro il 4 marzo, o il 1 aprile o in qualunque momento presto. Sebbene Trump abbia firmato i documenti per trasferire il controllo ai militari in uno scenario limitato di poteri di emergenza, i militari non volevano muoversi contro Biden il giorno dell’inaugurazione per paura che avrebbe potuto essere scatenata una guerra civile a livello nazionale immediatamente dopo.

Avrei preferito di gran lunga che si trasferissero quel giorno e molto probabilmente è lo stesso anche per voi. Ma come abbiamo visto più e più volte, anche se Trump ha messo in atto tutti i meccanismi perché gli Stati Uniti possano difendersi dal colpo di stato comunista condotto dai Democratici e dal loro burattino Biden, la tempistica degli eventi continua a frustrare tutti noi.

Come ho appreso, lo scenario della guerra civile è una preoccupazione per i militari perché destabilizzerebbe gli Stati Uniti e renderebbe il paese sempre più vulnerabile agli attacchi di aggressori stranieri (in particolare la Cina). Quindi il piano del giorno dell’inaugurazione è stato annullato. In realtà c’è stata un’attivazione di molte unità pochi giorni prima dell’inaugurazione e molti membri del personale in servizio attivo hanno pensato che sarebbe stato “tempo di andare”. Ma si è rivelato essere un altro scenario “sbrigati e aspetta” che è fin troppo comune con i militari.

Quindi, ci ritroviamo con un falso presidente Biden che gestisce il tavolo con ordini esecutivi oltraggiosi che stanno già causando danni all’economia e al mercato del lavoro degli Stati Uniti. L’unica tregua è che quegli Ordini Esecutivi alla fine saranno annullati e invertiti, ma questo non ci aiuta oggi.

Dal punto di vista delle buone notizie, l’FBI aveva anche pianificato di condurre operazioni false flag contro i conservatori il giorno dell’inaugurazione, ma quella trappola è fallita. Di questo va fatto merito ai conservatori che hanno evitato di essere coinvolti in un’altra operazione sotto falsa bandiera.

Ora ecco la parte che davvero non vi piacerà.

Come è stato condiviso con me, i militari hanno prove esaurienti che le elezioni sono state truccate da aggressori stranieri che lavoravano con attori nazionali. Conoscono l’elenco completo dei traditori sediziosi e degli operatori traditori, e in effetti esiste un elenco di arresti. Tuttavia, i militari sono riluttanti a muoversi contro Biden fino a quando la popolarità di Biden non diminuisce a causa del suo lancio di cattive politiche (che è già iniziato, ovviamente).

Quando l’esercito fa la sua mossa, vuole che la stragrande maggioranza del pubblico statunitense appoggi quella mossa. Qualcosa come il 70%, a quanto pare e così è in corso la guerra dei patrioti per abbassare gli indici di gradimento di Biden mentre i media delle fake news cercano di spingere i numeri di approvazione di Biden sempre più in alto coprendo tutti i suoi scandali e descrivendolo come una sorta di santo.

Naturalmente, sappiamo tutti che i sondaggi sono truccati. Ma lo sanno anche le persone in alto che dirigono i militari. Non si fideranno dei sondaggi dei media tradizionali, come non farebbe nessuna persona razionale. Rasmussen sarebbe apparentemente un indicatore migliore del vero livello di sostegno pubblico, e ci sono anche altre società di sondaggi indipendenti che possono fornire risultati altrettanto onesti.

Non uccidete il messaggero, comunque. Non sono io a prendere queste decisioni, sto solo segnalando ciò che mi arriva da fonti credibili e ben posizionate. Apparentemente i militari sentono il bisogno di posizionarsi dalla parte giusta del sentimento politico, in modo che l’opinione pubblica veda i militari come salvatori della nazione da un destino certo (che in realtà è quello che farebbero).

Purtroppo, sembra che dovremo tutti sperimentare alcuni mesi di quella rovina mentre Biden tenta di fare a pezzi questa nazione e ottenere la distruzione economica totale, che è davvero il terzo mandato di Obama in gioco. Aspettatevi che una valanga di leggi disgustose venga portata di fretta al Congresso e firmata dal falso presidente Biden. Notate che alcuni cappelli bianchi credono che questo sia un passo necessario affinché l’America veda il danno che i Democratici causeranno. La maggior parte delle persone impara solo dal dolore e dalla sofferenza. La maggior parte degli americani ha dimenticato cosa significhi lottare per la libertà e lo dà per scontato. Ma non sarà così ancora per molto! Quando “perdono” le loro libertà sotto il regime di Biden, imploreranno di essere salvati …

Quindi preparatevi per una corsa dura quest’anno. Non pensate che il 4 marzo sia una data speciale. Probabilmente è troppo presto perché le cose accadano.

Gridate la verità sulla nostra sofferenza e distruzione economica sotto il regime illegittimo di Biden.

Fino al giorno in cui l’esercito non deciderà di invocare il suo giuramento per difendere questa nazione dai nemici interni, dobbiamo fare la nostra parte per pubblicizzare la nostra sofferenza e persecuzione sotto il regime di Biden.

Non è il momento di tacere ma piuttosto è il momento di esprimere la verità su come le orribili politiche di Biden stanno sventrando questa nazione, mettendo in pericolo la privacy dei minori (con la sua spinta ai bagni trans), distruggendo oltre 40.000 posti di lavoro legati al gasdotto Keystone, inondando l’America di confine con gli stranieri illegali e chiedendo persino il rilascio degli illegali in custodia, molti dei quali sono criminali violenti.

Se vogliamo aiutare a salvare questa nazione, dobbiamo ora amplificare le vere storie di sofferenza e collasso sotto il regime di Biden. Dobbiamo:

Invitare i nostri legislatori statali ad annullare le leggi incostituzionali di Biden che attaccano i nostri diritti.

Allontanarci dalle contee e dalle città blu controllate da Soros e trasferirci in zone rosse sicure dove esiste ancora lo stato di diritto.

Prepararsi all’inflazione alimentare diffusa e alla scarsità di cibo sotto il regime di Biden.

Prepararci al caos economico e al possibile collasso se si lascia che le politiche di Biden persistano.

Ridurre l’escalation della violenza laddove possibile per evitare di dare al regime di Biden più scuse per espandere il suo stato di polizia del Grande Governo che prende di mira i cittadini.

Allo stesso tempo, dobbiamo prepararci a tutti i possibili scenari come guerra civile, secessione, collasso economico, guasti alla rete elettrica e così via. Come ho detto prima, il 2021 farà sembrare il 2020 una passeggiata.

Infine, ricordate che piagnucolare non è vincere. Le persone che ancora si lamentano di Trump, dei patrioti, dei militari o del “piano” non stanno facendo assolutamente nulla di utile. I vincitori sono combattenti che affrontano la situazione attuale, non importa quanto sia brutta. Voglio incoraggiare le persone a smettere di piagnucolare e iniziare a vincere. “Non ho tempo per sanguinare”, come ha detto Jesse Ventura in Predator. E di sicuro non abbiamo tempo per piagnucolare e lamentarci.

C’è di più nel podcast Situation Update di oggi, se riuscite a sopportare le notizie che potreste non voler sentire:

Brighteon.com/fbf737ac-01d7-4ffc-9a00-60b631a9957c

UnUniverso non ha altro scopo che quello di fare divulgazione, perché sempre più persone comprendano che è possibile un mondo migliore e più giusto. Ho tolto la pubblicità proprio per sottolineare che il mio impegno non è finalizzato a nessun guadagno materiale ma, se condividete gli scopi per cui è nato questo blog, e se volete contribuire alla sua crescita, per favore comprate e leggete o regalate una copia di uno dei miei libri: nati appunto con il fine di far crescere la consapevolezza in coloro che non seguono le fonti di notizie alternative. NZ

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

12 commenti su “Cosa spingerà l’esercito a muoversi contro Biden (non vi piacerà)

  1. la mia personale opinione è che viste le
    notizie ufficiali di oggi Trump con
    molta provaliti non finirá sotto processo vuol semplicemente dire che ha trattato
    FINE DEI GIOCHI COSPIRAZIONISTI

    "Mi piace"

  2. Andrea Lieto

    Non è eroico lasciare la popolazione a soffrire restando a guardare ed attendendo che la disperazione scateni la rivolta.
    Credo che tanti patrioti,io per primo,saranno disgustati da tanto cinismo.

    "Mi piace"

  3. In un certo senso sarà Bidet a liberarci del “deep state” 🤣🤣🤣🤣

    "Mi piace"

  4. io continuo a dire che che se il 20 di gennaio non fosse successo niente la logica
    cospirazionista sarebbe crollata…..e così
    è stato……io sto ancora aspettando NESARA
    che doveva fare il buon clinton poi è saltato
    per le torri gemelle poi la doveva applicare
    Obama…..ora viene fuori che il grande resett
    tanto (giustamente)osteggiato se andate a vedere altri non è che il progetto NESARA
    cioè ma non può reggere una cosa di sto genere
    L UNICA COSA CHE SONO CERTO CHE IN
    UN MONDO COMUNISTA NON CIVOGLIO
    STARE E LOTTERO FINO ALLA MORTE
    PER ME E LA MIA FAMIGLIA

    "Mi piace"

    • Andrea Lieto

      Hai ragione!! Ma non dobbiamo più aspettarci niente da chi continua a raccontarci favole.

      "Mi piace"

    • Luca scusa ma Nesara/Gesara si contrappone al Great Reset perchè toglie completamente il potere alla banche.
      Ascolta Luca Labella in un’intervista di Tom Bosco si chiama Armageddon ed è del 14 gennaio 2021 su you tube.

      "Mi piace"

      • nesara dice inizialente di un annullamento
        dei debeti sovrani e di monete con riferimento aureo per poi passare ad un annullamento della monetizazione una volta inserite trcnologie altamente avanzate
        se vivi in affitto l appartamento diventa tuo
        ,se hai un processo viene annullato ecc..ecc

        "Mi piace"

      • si arriva par parlare chiaro al comunismo…
        ovviamente con forme innovative ma sempre di comunismo si tratta

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: