Extraterrestri

Il prof di Harvard: “Gli alieni ci hanno fatto visita nel 2017: Oumuamua non era asteroide”

Le parole di Avi Loeb, professore di Harvard e fisico teorico che si occupa di astrofisica e cosmologia

“Gli alieni ci hanno fatto visita nel 2017, Oumuamua non era un asteroide”. A sostenerlo è Avi Loeb, professore presso l’Università di Harvard citato dal New York Post. Stando a quanto riporta l’ultimo libro del fisico teorico, Extraterrestrial: The First Sign of Intelligent Life Beyond Earth, la ‘visita’ sarebbe avvenuta in concomitanza con la comparsa di quello che la comunità scientifica aveva definito come un semplice asteroide dalla forma allungata, dunque insolita.

Nel 2017, l’asteroide “Oumuamua” destò l’attenzione degli scienziati e degli appassionati di astronomia: ora il professore di Harvard ipotizza che l’oggetto potrebbe essere stato il primo segnale inviatoci dai visitatori alieni. “Cosa sarebbe successo se un uomo delle caverne avesse visto un cellulare? Avendo visto pietre tutta la vita, avrebbe pensato ad una pietra scintillante. Certa gente non vuole discutere della possibilità che ci siano altre civiltà lì fuori, sono convinti del fatto che siamo speciali e unici. Io credo che sia un pregiudizio che dobbiamo abbandonare”, sono le parole di Avi Loeb riportate dal New York Post.

Il corpo celeste era stato osservato per la prima volta alle Hawaii e battezzato “Oumuamua”, che nella lingua locale vuol dire “Messaggero che arriva da lontano”. Le peculiarità di “Omumuamua” erano molteplici: era stato identificato come primo oggetto “interstellare”, quindi non appartenente al nostro Sistema Solare, osservato così vicino alla Terra; aveva forma allungata e stretta e non accostabile ad altre comete o asteroidi; il suo movimento era inconsueto e non rispondente alle leggi gravitazionali.

Fonte: huffingtonpost

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

4 commenti su “Il prof di Harvard: “Gli alieni ci hanno fatto visita nel 2017: Oumuamua non era asteroide”

  1. adriano tolomio

    (Io non ho la verità, quindi fatevi un’idea vostra) Non si è mai visto un asteroide con quella forma allungata, era piuttosto un’astronave ormai senza occupanti vivi ed era stata ricoperta da pietrame dello spazio, chissà da quanto tempo era in viaggio.

    "Mi piace"

  2. Per Adriano,noi non possiamo uscire dall’orbita alta,nessun Razzo o astronave terreste lo puoi fare,ci sono le fasce di van allen che tengono tutti noi in prigione,la stazione spaziale e i vari satelliti sono nella fascia bassa,smettiamola di credere a tutto quello che ci dice la nasa.

    "Mi piace"

    • Ok ci sono le fasce di Van Allen che non fanno entrare e uscire nessuno,quindi,i grigi che descrive Phil Schneider da dove sono entrati??

      "Mi piace"

  3. Sonny Crockett

    Io so solo che in una sera di luglio del 1986 un disco volante luminoso si fa una passeggiata sopra la mia testa a non più di 100 mt. Ora bisogna vedere se alieno o terrestre (se fosse terrestre allora si aprirebbero altri scenari )

    "Mi piace"

Rispondi a adriano tolomio Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: