Opinioni

Aggiornamento della situazione, 26 dicembre – I generali traditori dell’esercito temono “l’opzione milizia” di Trump

Oltre all’opzione di declassificazione, all’Insurrection Act e alle opzioni di ri-voto militare per garantire la sua vittoria per il secondo mandato, il presidente Trump ha l “L’opzione della milizia” per salvare la repubblica.

Le milizie sono specificatamente menzionate come custodi necessari della nostra repubblica costituzionale sia nel Secondo Emendamento che nell’Insurrection Act. La maggior parte dei gruppi di milizie moderne è composta da veterani militari, ex forze dell’ordine, detentori di bagagli nascosti e altri cittadini rispettosi della legge che sono appassionati di libertà e difendono l’America dai nemici, sia stranieri che interni.

Il presidente Trump potrebbe, in qualsiasi momento, invitare i gruppi di milizie a convergere su Washington DC e aiutare a prevenire un colpo di stato militare o difendere la nazione da un’acquisizione comunista cinese (PCC) tramite Joe Biden, un fantoccio corrotto della Cina.

Chiedendo semplicemente aiuto, il presidente Trump vedrebbe facilmente da 500.000 a un milione di miliziani armati convergere a Washington DC, riunendo un formidabile gruppo pro-America di cittadini armati che sarebbero disposti a combattere per difendere questa nazione. L’idea di una tale convergenza sta causando quasi il panico ai livelli più alti dell’esercito degli Stati Uniti, dove i generali traditori hanno già deciso di svendere l’America e permettere alla nazione di essere conquistata dalla Cina comunista. (non è così tra il personale dell’esercito di basso e medio livello, tuttavia, la maggior parte dei quali disprezza i loro leader dell’esercito corrotti  e traditori.)

Come avverto nell’aggiornamento della situazione di oggi per il 26 dicembre, l’America potrebbe essere diretta verso il suo incidente di “Piazza Tiananmen”, in cui alle forze dell’esercito cinese è stato detto di attaccare le forze della milizia civile. Ma a differenza della Cina, non credo che i soldati dell’esercito americano uccideranno i propri compatrioti patriottici, il che significa che i traditori generali dell’esercito non riusciranno nel loro complotto per rovesciare la nazione e consegnare l’America ai cinesi comunisti.

Aspetti salienti dell’aggiornamento della situazione di oggi:

-Miles Guo di Gnews afferma che le agenzie di intelligence del mondo sono pienamente consapevoli che Trump sarà presidente per un secondo mandato.

-Guo avverte che l’economia interna della Cina crollerà all’istante con lo svolgersi di determinati eventi. Il secondo mandato di Trump farà in modo che ciò accada.

-Il funzionario del Dipartimento della Difesa Andrew Knaggs delinea lo spettro di azioni che il presidente Trump può invocare, dalla meno controversa (i tribunali) alla più controversa (legge marziale militare).

-Knaggs conferma che Trump può nominare lui stesso un consulente speciale e non ha bisogno dell’AG per farlo.

-Discussione dell’esplosione a Nashville e perché potrebbe essere stato un test pilota per scoprire con quanta facilità le infrastrutture di telecomunicazioni possono essere eliminate con esplosivi convenzionali. (Nota: da allora è emerso un nuovo video, che rivela che questo attacco sembra essere un attacco missilistico da un aereo, non semplicemente una bomba per veicoli RV.)

-Il sindaco di Nashville ride e sorride quando parla dell’attentato.

-L’esercito americano potrebbe complottare un colpo di stato fisico contro il presidente Trump, per rimuoverlo dalla Casa Bianca.

-Le difese della milizia potrebbero presto essere necessarie alla Casa Bianca e nell’area di Washington DC.

-Un’analisi della struttura e dell’efficacia della milizia.

-Il 20 ° emendamento e come è cambiato Giorno dell’inaugurazione dal 4 marzo al 20 gennaio.

Ascolta l’episodio completo qui:

Ascolta il nuovo podcast di ogni giorno su questa pagina del canale Brighteon.com:

https://www.brighteon.com/channels/hrreport

Fonte: naturalnews

Il blog di UnUniverso non ha altro scopo che quello di fare divulgazione, perché sempre più persone comprendano che è possibile un mondo migliore e più giusto. Ho tolto la pubblicità proprio per sottolineare che il mio impegno non è finalizzato a nessun guadagno materiale ma, se condividete gli scopi per cui è nato questo blog, e se volete contribuire alla sua crescita, per favore comprate e leggete o regalate una copia di uno dei miei libri: nati appunto con il fine di far crescere la consapevolezza in coloro che non seguono le fonti di notizie alternative. NZ

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

Un commento su “Aggiornamento della situazione, 26 dicembre – I generali traditori dell’esercito temono “l’opzione milizia” di Trump

  1. josey wales

    Speramo ner texas , che vo’ dico avfa’ , sti decerebbrati delle milizie blm, a giugno ar memorial confederato de stone mountain in Georgia,ebbero la geniale idea di sfilare armati minacciando di occupare il texas per creare una enclave afroamericana.
    Geniale idea quella di minacciare a mano armata i texani, i possessori di armi da guerra in texas e nel resto degli usa sono molti milioni e quasi tutta gente che ha poca simpatia per i dem ed il deep state.
    Gli usa sono nati coi minute men ,l esercito l hanno creato dopo, stai a vede caa storia nun se ripeta anche stavorta.
    I vertici del pentagono son pieni di ratti de chiavica der complesso militar/industriale, di molti generali c’e’ poco da fidarsi.
    Notare bene,Chris Miller, il nuovo secretary of defense, era un colonnello delle truppe speciali,apoena eletto ha subito messo seals,rangers, delta force ,sotto il controllo del dipartimento alla difesa, sottraendoli alla catena di comando ed al controllo diretto del pentagono.
    Ancora pochi giorni e capiremo se trump e’/era solo un bluf, in tal caso sara’ interessante vedere come reagiranno…. i texani.
    Nel texas hold , al bluf si risponde col all in …..

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: