Opinioni

No della corte Suprema, la strategia che salverà il mondo. Ancora pochi l’hanno capita

Dott. Luca La Bella Ph.D

 Ieri notte è arrivata la notizia che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto la richiesta del Texas di contestare i risultati delle elezioni del 2020 in quattro stati campo di battaglia.

In un’ordinanza, i giudici hanno negato la richiesta del Texas di citare in giudizio Pennsylvania, Georgia, Michigan e Wisconsin, sostenendo che il Lone Star State non aveva la legittimazione ad agire in giudizio ai sensi della Costituzione.

La notizia ha fatto immediatamente il giro del Mondo creando panico e apprensione in tutte le persone consapevoli di ciò che sta realmente accadendo.

Ma la Guerra non è finita, tutt’altro e la notizia di questo accadimento rientra perfettamente nella strategia più raffinata che si possa trovare nel Mondo della Politica dell’ultimo secolo.

Ma andiamo ad analizzare i fatti :

1-    L’Ordinanza della Corte Suprema non è entrata nel merito della richiesta del Texas, ma solo nella forma. Il merito sullo svolgimento fraudolento si avrà lunedì prossimo grazie alle cause legali presentate dal Team legale del Team di Trump.

2-    La Corte Suprema era stata accusata di non essere imparziale e quindi controllata dai Repubblicani e con questa mossa è stato sventato il tentativo di delegittimarla.

3-    L’altro risultato che ha sortito è che in risposta alla notizia che la Corte Suprema ha respinto la causa elettorale in Texas, il presidente del GOP del Texas Allen West ha rilasciato una dichiarazione in cui ha detto che gli stati rispettosi della legge dovrebbero “formare un’Unione di stati che rispetterà la costituzione” aprendo di fatto e paventando una possibile “secessione” degli Stati che hanno fatto ricorso ( circa 39 ), che costringerebbe il Presidente Trump ad avere la legittimazione pubblica a dichiarare la Legge Marziale.

4-    Il problema delle infiltrazioni del Partito Comunista Cinese PCC nei vertici politici USA di cui si hanno tutte le prove ( Dominion/Smartmatic e cartelle elettorali falsificate ) si sarebbe risolta in anni di cause e ricorsi da parte degli agenti del Deep State fino ai massimi livelli ( famiglia Biden, Clinton, Gina Haspel etc. ), invece con la legge Marziale il procedimento sarebbe molto più veloce, rilasciando così il vero Kraken rappresentato dai militari e dalle Forze Speciali che sostituiscono FBI e CIA ormai compromessi ( vedi articolo TRUMP “RETROCEDE” LA CIA E L’FBI E ATTIVA LE FORZE SPECIALI USA PER LO SCONTRO FINALE. SI COMPIE COSI’ DI FATTO, L’EREDITA’ DI JFK ! – Database Italia ) e tanto invocata dal Generale Flynn.

C’è quindi una strategia nascosta che implica passi avanti a fronte di “sconfitte virtuali” sostenute dai media corrotti, ma che in una partita a scacchi rappresenterebbe solamente il fatto di sacrificare un pedone per sviare l’attenzione dell’avversario verso il vero obiettivo. La tecnica utilizzato solo dai migliori giocatori di scacchi è quella dell’Adescamento ovvero attirare con un sacrificio un pezzo avversario su una casa che risulterà fatale.

L’avversario ovviamente deve credere di essere in vantaggio.

Da questa analisi esce fuori un altro elemento fondamentale ovvero il fatto che questa non è solo una Guerra tra L’Alleanza di Trump e il Deep State, ma un conflitto per la “percezione del pubblico” sullo svolgimento dei fatti.

Il Pubblico non pronto a comprendere ciò che sta realmente accadendo deve essere portato gradualmente alla comprensione profonda che le Istituzioni, come le intendiamo, non siano veramente quel baluardo di morale ed etica da cui molti ancora troppo dipendono.

Gli intrighi, i complotti, gli interessi e le infiltrazioni devono essere svelati in modo graduale prima di colpire il serpente tagliandogli la testa. Beh quel momento si sta avvicinando sempre di più.

Leggi art. completo: databaseitalia

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

3 commenti su “No della corte Suprema, la strategia che salverà il mondo. Ancora pochi l’hanno capita

  1. forse hai davvero ragione, non e’ finita! Evviva!!

    "Mi piace"

  2. Maria Soldani

    Non sono esperta di scacchi, ma effettivamente mi sembra che entrambe le parti giochino a chi attira di più o meglio l’avversario in un “vicolo cieco”, in modo da indurlo senza scampo all’inciampo fatale…La mia sensazione é che Trump, che sembra all’apparenza il più bersagliato dai brutti tiri, non sai affatto uno sprovveduto…Deve avere carte eccellenti, in mano …Buon per tutti noi !

    "Mi piace"

  3. Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare

    "Mi piace"

Rispondi a Nemma Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: