Notizie

Il Texas fa causa a Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin per frode elettorale – Altri OTTO stati si uniscono alla causa

Naturalnews – La Repubblica del Texas ha appena rilasciato il “kraken” contro gli stati di Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin, che hanno prodotto risultati elettorali fraudolenti e quindi non validi.

Aggiornamento: Secondo quanto riferito, altri otto stati si stanno unendo alla causa in Texas: Louisiana, Arkansas, Alabama, Florida, Kentucky, Mississippi, South Carolina, South Dakota.

Il Lone Star State sostiene che tutti questi stati hanno violato la clausola degli elettori della Costituzione modificando illegalmente le loro regole e procedure di voto attraverso tribunali o azioni esecutive piuttosto che legalmente attraverso le legislature statali. Questi stati hanno anche violato la clausola di uguale protezione della Costituzione implementando diverse regole e procedure di voto in diverse aree all’interno dei propri confini statali, secondo la causa.

Ultimo ma non meno importante, la causa sostiene che le suddette violazioni costituzionali abbiano portato a “irregolarità di voto” che hanno condotto a risultati elettorali fraudolenti, che devono essere ribaltati nell’interesse della preservazione di elezioni libere ed eque negli Stati Uniti.

“Alcuni funzionari negli Stati imputati hanno presentato la pandemia come la giustificazione per ignorare le leggi statali in materia di voto per assenza e per corrispondenza”, si legge nella causa. “Gli Stati convenuti hanno inondato la loro cittadinanza con decine di milioni di domande di voto e schede elettorali in deroga ai controlli statutari su come vengono legittimamente ricevute, valutate e conteggiate”.

“Ben intenzionati o meno, questi atti incostituzionali hanno avuto lo stesso effetto – hanno reso le elezioni del 2020 meno sicure negli Stati convenuti”, aggiunge. “Tali modifiche non sono coerenti con le leggi statali pertinenti e sono state apportate da entità non legislative, senza alcun consenso da parte delle legislature statali. Gli atti di questi funzionari hanno quindi direttamente violato la Costituzione”.

L’avvocato Sidney Powell sta anche lavorando alle sue cause legali per sfidare la frode elettorale. Puoi saperne di più sul suo lavoro su DefendingtheRepublic.org.

È la legge a decidere le elezioni, non la CNN o Fox News

Poiché la causa riguarda una controversia tra due o più stati, essa andrà direttamente alla Corte Suprema, aggirando tutti i tribunali inferiori. Ciò è in conformità con l’articolo III della Costituzione, che designa la Corte suprema come tribunale di prima istanza sulle materie di cui è competente in origine.

Visto il numero di tribunali di grado inferiore governati da giudici attivisti di estrema sinistra che continuano a respingere casi meritori di frode elettorale per motivi politici, questa è una grande notizia e potrebbe essere il fulcro che alla fine porta al risultato positivo che stavamo tutti aspettando.

Il caso è determinante e alla fine determinerà se Joe Biden ha davvero vinto le elezioni o se il presidente Donald Trump servirà per altri quattro anni. Sulla base della montagna di prove che continuano ad accumularsi, è quasi sicuro che i media mainstream e i Democratici che credono a tutto ciò che gli dicono avranno qualche serio schiaffo in faccia nelle prossime settimane.

“Queste modifiche non legislative alle leggi elettorali degli Stati convenuti hanno facilitato il voto e il conteggio delle schede in violazione della legge statale, che, a sua volta, violava la clausola degli elettori dell’articolo II, sezione 1, clausola 2 della Costituzione degli Stati Uniti”, la causa sostiene.

“Con questi atti illegali, gli Stati convenuti non solo hanno contaminato l’integrità del voto dei propri cittadini, ma le loro azioni hanno anche svilito i voti dei cittadini nello Stato ricorrente e in altri Stati che sono rimasti fedeli alla Costituzione”.

Con la causa, il Texas ha presentato una petizione alla Corte Suprema per richiedere agli stati convenuti di consentire ai loro legislatori di nominare elettori al Collegio Elettorale. Ciò garantirà il raggiungimento di un risultato elettorale libero ed equo.

“Brillante!” ha scritto un commentatore di Breitbart News. “Hanno appena aggirato una sfilza di giudici e attivisti democratici”.

“Mi piace questa causa perché inizia con la Corte Suprema e affronta la corruzione in tutti e quattro gli stati contemporaneamente”, ha scritto un altro.

Le fonti per questo articolo includono:

Breitbart.com

DefendingtheRepublic.org

NaturalNews.com

DefendingtheRepublic.org

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

0 commenti su “Il Texas fa causa a Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin per frode elettorale – Altri OTTO stati si uniscono alla causa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: