Notizie

Trump: le immunità di Facebook e Twitter devono finire ORA, per motivi di “sicurezza nazionale”

Il presidente Trump ha chiesto la fine immediata dell’immunità della Sezione 230 per le Grandi Compagnie, citando ragioni di “sicurezza nazionale”.

POTUS ha pubblicato su Twitter giovedì sera il suo appello per la cessazione “immediata” della Sezione 230 del Communications and Decency Act, avvertendo che le limitazioni di responsabilità concesse alle società di social media come Facebook, Google e Twitter dovrebbero essere rimosse per “scopi di sicurezza nazionale.”

Nationalfile.com riporta: Attualmente, le società Big Tech affermano di agire come una piattaforma neutrale, il che significa che ricevono determinate protezioni da ciò che le persone pubblicano sul loro sito ai sensi della Sezione 230, che fornisce loro uno “scudo di responsabilità”. Tuttavia, dato che si sono impegnati nella censura dei conservatori, si comportano più come un editore, che è, in realtà, responsabile di ciò che è presente sul suo sito.

L’annuncio ha fatto seguito a un tweet del presidente Trump che ha attaccato Twitter per “aver inviato ‘tendenze’ totalmente false che non hanno assolutamente nulla a che fare con ciò che è veramente di tendenza nel mondo”. Ha sostenuto che le tendenze sono semplicemente inventate e sono solo quelle “negative”. “La stessa cosa accadrà a Twitter come sta accadendo a Fox News durante il giorno. Inoltre, grande discriminazione conservatrice! ” ha concluso il Presidente.

Non è la prima volta che il Presidente chiede la fine della legge Sezione 230. Il mese scorso, dopo che Facebook e Twitter hanno rimosso una notizia dal  New York Post sulle e-mail tra Joe Biden e suo figlio Hunter, ha anche allora chiesto l’abrogazione di Sezione 230. Tuttavia, questa è la prima volta che è stato chiesto di farlo “immediatamente” e anche la prima volta che la “sicurezza nazionale” è stata ipotizzata come motivo per farlo.

Le azioni del presidente potrebbero aver avuto qualcosa a che fare con il comportamento delle Big Tech nel corso di queste elezioni. Durante le elezioni, una grande quantità di tweet del presidente e altri post sui social media, insieme a quelli di molti dei suoi sostenitori, sono stati etichettati come disinformazione, con Tucker Carlson che ha persino sostenuto che Big Tech ha truccato l’elezione a favore di Joe Biden.

Solo questa settimana, l’account Twitter personale del senatore dello stato della Pennsylvania Doug Mastriano è stato bandito, dopo che il senatore aveva organizzato un’audizione nella legislatura del suo stato sulle vaste irregolarità che si sono verificate nelle elezioni presidenziali di questo mese.

Nel maggio di quest’anno, il presidente ha firmato un ordine esecutivo che avrebbe rimosso lo scudo di responsabilità dalle società Big Tech se si fossero impegnate in “censura o in qualsiasi condotta politica”. Come riportato da National File:

L’ordine esecutivo incarica anche il procuratore generale William Barr di collaborare con gli stati per sviluppare la propria legislazione in materia di censura online e istruisce anche la sua amministrazione affinché inizi a sviluppare politiche per “garantire che i dollari dei contribuenti non vadano a nessun social media che sopprime la libertà di parola. Il presidente ha osservato che le società Big Tech hanno avuto “il potere incontrollato di censurare, limitare, modificare, modellare, nascondere, alterare, praticamente qualsiasi comunicazione tra privati ​​cittadini e un vasto pubblico pubblico”.

Fonte: news punch

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

2 commenti su “Trump: le immunità di Facebook e Twitter devono finire ORA, per motivi di “sicurezza nazionale”

  1. Trump è veramente un uomo senza vergogna. Antidemocratico.,

    "Mi piace"

    • Maurizio Calvo

      L’immunità….nn la chiusura …
      Questi social hanno cancellato alcuni commenti di Trump ritenendoli al di fuori dei ‘ Loro’ parametri…
      Come se Mattarella, Conte… fossero censurati , più volte, x commenti ….in un paese democratico…quando x esempio Facebook ha accumulato grosse multe x aver violato lei stessa la privacy e le regole …..insomma il buon senso dovrebbe prevalere sul gioco della parti del dividi et impera

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: