Opinioni

Trump: il rigetto della causa in Pennsylvania ci avvicina alla vittoria della Corte Suprema

Gli avvocati della campagna elettorale del presidente Trump affermano che la causa archiviata in Pennsylvania li avvicina a una vittoria della Corte Suprema.

Il sindaco Rudy Giuliani e Jenna Ellis hanno dichiarato in conferenza stampa:

“La decisione odierna si rivela per aiutarci nella nostra strategia per arrivare rapidamente alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Anche se siamo del tutto in disaccordo con questa opinione, siamo grati al giudice nominato da Obama per aver preso questa decisione anticipata rapidamente, piuttosto che semplicemente cercare di far esaurire il tempo”.

La causa sosteneva che vi fosse una violazione della garanzia di “pari protezione ai sensi della legge” dopo che le contee in cui gli elettori erano principalmente democratici usavano metodi alternativi per votare rispetto alle contee in cui gli elettori erano principalmente repubblicani.

Sabato, il giudice del distretto centrale degli Stati Uniti Matthew Brann ha archiviato la causa “con pregiudizio”, emettendo un rimprovero al team di Trump per aver tentato di “privare i diritti di quasi sette milioni di elettori”.

Ha scritto:

Ci si potrebbe aspettare che quando si cerca un risultato così sorprendente, un attore sarebbe formidabilmente armato di argomenti legali convincenti e prove concrete di corruzione dilagante, in modo tale che questa Corte non avrebbe altra scelta che concedere il provvedimento ingiuntivo proposto nonostante l’impatto che avrebbe avuto su un gruppo così ampio di cittadini. Questo non è successo.

Breitbart.com riporta: Ellis e Giuliani hanno sostenuto che le loro prove hanno dimostrato che 682.777 schede in Pennsylvania sono state espresse illegalmente, dopo che gli addetti al conteggio hanno negato il diritto del partito repubblicano a una revisione indipendente e hanno affermato di voler presentare le loro prove in tribunale.

“Questa è solo un’estensione della censura della Big Tech, dei Big Media e dei Democratici Corrotti sui fatti schiaccianti che il pubblico americano deve sapere”, hanno scritto.

Fonte: newspunch

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

0 commenti su “Trump: il rigetto della causa in Pennsylvania ci avvicina alla vittoria della Corte Suprema

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: