Uncategorized

Dirigente della Dominion, noto nemico di Trump, dichiara «Trump non potrà vincere»

Il rabbioso anti-Trump e auto-identificato membro di Antifa Eric Coomer, l’attuale vice presidente della Dominion Voting Systems presso gli Stati Uniti, ha ammesso sui social media di aver truccato le macchine per il voto al fine di impedire al presidente Trump di vincere la rielezione.

In una potente intervista con Michelle Malkin, Joe Oltmann, fondatore di FEC (Faith Education Commerce) United, ha rivelato di come si fosse segretamente infiltrato in un gruppo locale di Antifa e avesse ascoltato discussioni che coinvolgevano “Eric della Dominion”, riferendosi a Coomer, e il suo ruolo nel sabotare le elezioni.

Oltmann ha rivelato che “Eric” aveva incaricato i suoi compagni dell’Antifa di “mantenere la pressione” nella loro opposizione a una seconda vittoria di Trump. Quando uno di loro ha risposto chiedendo cosa dovrebbe fare Antifa se Trump vince, Eric ha risposto con qualcosa come:

«Non preoccuparti per le elezioni; Trump non vincerà. Ne sono fottutamente sicuro»

Oltmann, che gestisce una società di dati, ha immediatamente avviato la propria indagine su Coomer, che si è scoperto essere stato eccezionalmente attivo sui social media esprimendo odio e veleno nei confronti del presidente.

Coomer non solo odia il presidente, ma odia anche coloro che sostengono il presidente, le forze dell’ordine e le persone del Texas, in base alla sua storia di post sui social media.

Il ragazzo ha anche preso di mira l’ordine esecutivo del Trump dell’11 maggio 2017, sull’istituzione della commissione consultiva presidenziale sulle elezioni,  dicendo  «è una frode che doveva essere fermata».

Che dire della Commissione per l’integrità elettorale di Trump che ha attivato Coomer?” chiede Jim Hoft, scrivendo per The Gateway Pundit.

«È finalizzata a combattere la “Vulnerabilità nei sistemi e nelle pratiche di voto utilizzate per le elezioni federali che potrebbero portare a registrazioni di elettori improprie e votazioni improprie, comprese registrazioni di elettori fraudolente e votazioni fraudolente”, e ha causato a Coomer una reazione isterica sulla sua pagina Facebook»

Twitter censura Oltmann per aver rivelato la verità su Coomer, la frode elettorale del Dominion

Dominion, che è legata sia a Nancy Pelosi che a Dianne Feinstein, sembra avere nei suoi ranghi superiori un irriducibile oppositore di Trump che ha espresso la volontà di fare tutto il possibile per impedire a Trump di vincere la rielezione.

Immediatamente dopo la vittoria di Trump nel 2016, a proposito, Coomer ha annunciato su Facebook che non sarebbe più stato amico di chi avesse votato per Trump, nominando tre amici specifici che sospettava votassero per Trump e esortandoli a «togliergli l’amicizia».

Secondo Coomer, solo un “fottuto idiota” potrebbe mai votare per “quel fottuto fottuto fottuto FASCISTA RAZZISTA F ***”.

Alla fine di vari paragrafi riempiti con questo tipo di linguaggio, Coomer ha aggiunto uno scarico di responsabilità affermando che le sue «opinioni sono razionali e completamente mie». Ha aggiunto che «sono basate sulla ragione e (sono) altamente credibili», concludendo in modo esilarante con l’affermazione: «Non sono partigiano».

Per aver osato presentare queste informazioni sul suo account Twitter, Oltmann sarebbe stato bandito da Twitter, come di solito accade ogni volta che un briciolo di verità in qualche modo scivola attraverso le crepe e arriva in un tweet.

Tieni presente che circa 30 stati americani, inclusi tutti gli stati critici nelle elezioni di novembre, hanno utilizzato i sistemi di voto di Dominion, che Coomer ha certamente alterato per aiutare Joe Biden a “vincere” invece di Trump.

“Sedizione, tradimento, spionaggio, tutti commessi da agenti comunisti all’interno del nostro governo e tutti punibili con la morte”, ha scritto un commentatore al The Gateway Pundit su queste ultime rivelazioni.

“La domanda è … Sono rimasti dei veri patrioti della Repubblica costituzionale americana nel nostro governo che possano fare in modo che le sentenze vengono eseguite?”

Le fonti per questo articolo includono:

TheGatewayPundit.com

NaturalNews.com

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

0 commenti su “Dirigente della Dominion, noto nemico di Trump, dichiara «Trump non potrà vincere»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: