Geopolitica

Lo faranno davvero?

Di: Chris Farrel

Ce la faranno davvero?

Scritto da Chris Farrell tramite The Gatestone Institute,

I funzionari dell’amministrazione Obama hanno commesso crimini contro la costituzione. Si sono impegnati in una cospirazione sediziosa per rovesciare il governo degli Stati Uniti.

Ce la faranno davvero?

Quaranta funzionari governativi sono stati incriminati o incarcerati a causa del Watergate. I membri dello staff della Casa Bianca H.R. Haldeman e John Erlichman sono andati in prigione. L’avvocato della Casa Bianca John Dean è andato in prigione. Il procuratore generale John Mitchell è andato in prigione. Howard Hunt, G. Gordon Liddy, Charles Colson e James McCord – tutti incarcerati. Il segretario stampa di Nixon Ronald L. Ziegler ha definito il Watergate un “furto di terzo grado”. Ha rovesciato un presidente.

“Obamagate”, o la “bufala russa”, è uno scandalo politico e criminale esponenzialmente più grave e dannoso per la costituzione. Come le misurazioni della scala Richter dei terremoti, Obamagate può essere misurato in “ordini di grandezza” di gravità maggiore rispetto al furto di terzo grado. Obamagate è il primo colpo di stato americano. Non operato dalla destra militarista, come fantasticato dalla Hollywood liberale. Oh, no – dagli artisti della “trasformazione fondamentale” della sinistra bolscevica.

Scrivendo sul New York Post il 24 ottobre 2020, l’editorialista Michael Goodwin ha elencato di nuovo le sue ragioni per votare per Donald Trump. Il suo ragionamento includeva:

“L’altra parte non deve essere ricompensata per i suoi tentativi di sabotare e rimuovere un presidente debitamente eletto.

“Russia, Russia, Russia è stata una truffa che ha rovinato vite e messo una nuvola sulla Casa Bianca per quasi tre anni. Il seguito è stato l’impeachment partigiano, un goffo tentativo di colpo di stato orchestrato dal portavoce della camera Nancy Pelosi e dagli odiatori di Trump al Congresso, lo stato profondo, e i media.

“Il pregiudizio del corpo di stampa del 2016 si è trasformato in una vera e propria partigianeria su base quotidiana presso i punti di stampa, digitali e televisivi. Facebook, Twitter e altre piattaforme usano apertamente il loro potere per censurare notizie e opinioni pro-Trump promuovendo tutto ciò che fa il presidente.

“Non sono gli algoritmi, sono le persone dietro di loro.

“La loro decisione di bloccare i rapporti pionieristici del Post sugli affari di Hunter Biden e il coinvolgimento di Joe Biden dovrebbero spaventare chiunque tenga conto del Primo Emendamento. Per i censori, l’incubo di Orwell è il loro sogno.

“Tutta la correttezza è stata abbandonata nella frenesia per distruggere Trump e tutto ciò che rappresenta. Questa guerra culturale si estende anche all’indietro”.

Questa è tutta roba molto importante e fa difetto in un’area chiave: ignora (in gran parte) il crimine. I dettagli della cospirazione criminale e sediziosa per rovesciare il governo degli Stati Uniti.

Come ci manca ancora?

I (terribili e formidabili) poteri di polizia e di intelligence degli Stati Uniti sono stati perversamente distorti e abusati per promuovere un’agenda politica di parte dal presidente in carica (Barack Obama); i suoi agenti politici pagati; e funzionari, agenti e dipendenti del governo degli Stati Uniti tutti pagati per agire contro il candidato Trump e poi contro il presidente eletto Trump.

Ci sono riferimenti utili per tenere traccia del cast di personaggi coinvolti nella trama del colpo di stato. The Epoch Times ha una risorsa, così come il Capital Research Center. Si spera che John Durham abbia un riferimento, un file o un grafico che sia qualcosa di simile a quei pezzi analitici. Sembra aver bisogno di una sorta di aiuto, dal momento che apparentemente non è in grado di superare l’anemica e patetica accusa di Clinesmith.

Investigatori e avvocati esperti possono prendere i registri disponibili al pubblico e raccogliere fatti, documentazione e prove sufficienti per soddisfare la soglia legale (“causa probabile”) per presentare con successo un atto di accusa a un gran giurì.

Perché c’è riluttanza oggi? Com’è che il procuratore generale William Barr e John Durham sono consumati dalla noia dell’accusa quando i crimini e gli insabbiamenti sono così dolorosamente ovvi? Non resta che concludere che in realtà tutto dipende dalla volontà politica. Barr e / o Durham hanno lo stomaco per chiedere l’accusa di persone come James Comey, John Brennan, Andy McCabe e (molti) altri?

Fonte: zeroedge

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

0 commenti su “Lo faranno davvero?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: