Oltre ad essere un imponente monumento antico, costruito utilizzando tecniche misteriose, la struttura situata sull’altopiano di Giza ha rifiutato di rinunciare a tutti i suoi segreti nonostante centinaia di anni di studi archeologici.

di Staff Writer, 26 agosto 2020

Gli studiosi tradizionali sostengono che la struttura fu commissionata dal faraone Khufu e che fu costruita come tomba per un periodo di 10-20 anni che si concluse intorno al 2560 a.C.

Tuttavia, nonostante i massicci sforzi per dimostrare che la Grande Piramide è stata costruita come una tomba, nel corso degli anni non è stato scoperto un solo pezzo di prova archeologica che indicherebbe che la Piramide fosse una tomba enorme.

Ora, se la piramide non doveva servire da tomba, qual era allora il suo vero scopo?

Ecco 10 motivi per cui la Grande Piramide di Giza potrebbe essere stata un’enorme macchina energetica.

Per capire come sia possibile qualcosa di simile, dobbiamo dare un’occhiata ai materiali con cui è stata costruita la piramide, poiché i materiali da costruzione con cui è stata costruita la struttura contengono proprietà elettriche uniche:

(1) Gli autori hanno scoperto che le pietre di granito utilizzate nei passaggi delle Piramidi sono leggermente radioattive, una caratteristica che consente alla pietra di elettrizzare l’aria. Per qualche ragione, i costruttori della piramide hanno utilizzato (2) la dolomite, un materiale che ha dimostrato di essere un ottimo conduttore di elettricità, sulle superfici interne della Grande Piramide.

Inoltre, Tura Limestone, che sembra essere un eccellente isolante elettrico, copre le parti esterne della Grande Piramide.

Oltre a tutto ciò, la Grande Piramide di Giza non è stata posizionata casualmente su dove si trova oggi.

(3) La Piramide si trova su una potente fonte di energia sotterranea, come molte altre strutture antiche in tutto il mondo.

(4) La geologia presente sull’altopiano di Giza concentra naturalmente elevate quantità di forze elettromagnetiche del nostro pianeta. Sotto la superficie, le forze elettriche naturali viaggiano sono note come correnti telluriche o corrente terrestre.

Le correnti telluriche sono una corrente elettrica che si muove sottoterra o attraverso il mare. Le correnti telluriche derivano sia da cause naturali che dall’attività umana e le correnti discrete interagiscono in uno schema complesso.

Ci sono prove che gli antichi egizi usassero l’elettricità migliaia di anni fa, nonostante gli studiosi tradizionali si rifiutassero di accettare questa idea.

(5) Se diamo uno sguardo all’interno dei corridoi e delle camere della Grande Piramide, non vi è alcuna prova che gli antichi costruttori della Piramide usassero torce o fuoco per illuminare l’interno della Piramide non è stata trovata una singola prova né fuliggine né sono stati riscontrati danni da fumo nei corridoi.

Ci sono state rilevazioni in ​​diversi templi egizi che mostrano ciò che molti autori interpretano come enormi lampadine. Inoltre, se diamo uno sguardo alle cosiddette (6) batterie Baghdad, capiremo che migliaia di anni fa questi dispositivi producevano effettivamente elettricità.

Come ho accennato in precedenza, (7) non esiste una singola prova che suggerisca che la Piramide fosse una tomba, e questa idea è supportata dalla disposizione interna della Piramide.

La Grande Piramide di Giza è molto diversa da tutte le altre tombe che sono state esplorate nell’antico Egitto.

L’interno della piramide è freddo in termini di design.

(8) Non ci sono decorazioni al suo interno, sono stati utilizzati diversi materiali di costruzione e non è mai stata trovata una sola mummia al suo interno.

Le ultime ricerche scientifiche hanno scoperto che (9) la Grande Piramide di Giza concentra l’energia elettromagnetica. Questa scoperta ha cambiato tutto ciò che sappiamo sulla Piramide.

La scoperta è stata fatta da un team di ricercatori tedeschi e russi che hanno dimostrato che la Grande Piramide di Giza concentra l’energia elettromagnetica nelle sue camere e (10) concentra l’energia elettromagnetica nella sua parte inferiore, situata sotto la superficie.

I ricercatori si sono interessati a come la Grande Piramide di Giza avrebbe interagito con onde elettromagnetiche di lunghezza proporzionale o, in altre parole, di risonanza.

Ora, perché una “tomba” dovrebbe concentrare e focalizzare l’energia elettromagnetica?

Fonte: stillnessinthestorm

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

Un commento su “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: