Divulgazione

REFERENDUM DI SETTEMBRE: 12 DOMANDE SCOMODE SUL PIÙ GRANDE INGANNO GRILLINO

1) Se riduci il numero di parlamentari la Casta si rafforza o indebolisce?

2) La concentrazione di potere rafforza o indebolisce chi lo detiene?

3) Il potere di ogni singolo parlamentare aumenta o si riduce?

4) Conterà più il voto del singolo elettore o dei grandi gruppi di potere che controllano grandi pacchetti di voti?

5) La mafia, la finanza, le lobby, le multinazionali, preferiscono un parlamento numeroso o ridotto?

6) Se il numero di eletti si riduce, far giungere a loro le esigenze del popolo sarà più o meno facile?

7) Averli sul territorio sarà più o meno semplice?

8)I parlamentari, ridotti nel numero, potranno aumentarsi ulteriormente potere, compensi e privilegi?

9)In un parlamento ridotto basterà un solo eletto a far cadere il governo?

10)È più facile corromperne uno o corromperne 100?

11) Se la riduzione dei parlamentari fosse davvero un danno alla kasta perché l’avrebbero votata tutti i partiti presenti in parlamento?

12) Perché non hanno piuttosto votato per la riduzione degli compensi e dei privilegi ai politici?

Giulio Curatella

Tratto dalla pagina facebook di Ragione Critica

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

Un commento su “REFERENDUM DI SETTEMBRE: 12 DOMANDE SCOMODE SUL PIÙ GRANDE INGANNO GRILLINO

  1. Gabriella

    Questo Giulio Curatella si pone delle domande fondalmentalmente stupide.
    Per decenni il popolo scontento si è lamentato della massa di parassiti che è costretto a mantenere, e ne voleva la riduzione, come in tutti gli altri Paesi,
    Ecco perchè questo provvedimento è stato votato da quasi tutti, non farlo sarebbe stato uno sputtanamento e una perdita di voti.
    Allora hanno approntato la seguente strategia: portare al referendum il taglio dei parlamentari, anche da parte di chi aveva votato il sì (saranno corse mazzette a milioni) e iniziare una campagna a tappeto per il no, sia da parte di chi aveva votato si (ad es. Salvini) sia servendosi di venduti o sprovveduti poco intelligenti che hanno convinto di essere i soli a voler salvare la democrazia.
    A quale categoria appartenga questo Curatella non saprei, ho visto che si occupa di finanza e immobili…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: