Notizie

L’inchiesta sull’Obamagate sta per entrare nel vivo

L'inchiesta di Durham sullo spionaggio della compagnia di Trump potrebbe rilasciare una bomba prima della fine dell'estate

Di: Isabelle Z. Ci sono state molte speculazioni sul fatto che il procuratore degli Stati Uniti John Durham manterrà i risultati della sua indagine sullo spionaggio della campagna di Trump fino a dopo le elezioni per evitare accuse di interferenza politica. Tuttavia, fonti che in passato hanno lavorato con Durham su casi di corruzione pubblica hanno affermato di dubitare che cederà alle pressioni politiche, alcuni ritengono che potrebbe persino lanciare qualche bomba prima del Labor Day.

Ciò è supportato dalle parole del procuratore generale William Barr, che ha rifiutato di escludere la possibilità di un rilascio di informazioni prima delle elezioni. Facendo riferimento ad un’usanza di lunga data del Dipartimento di Giustizia di non annunciare nuovi sviluppi in casi politicamente sensibili prima di un’elezione, il rappresentante Debbie Mucarsel-Powell (D-Fla.) Ha chiesto a Barr se si sarebbe impegnato a non rilasciare alcun resoconto dell’indagine di Durham prima delle elezioni. In risposta, ha semplicemente dichiarato: “No.”

Poiché questa politica impedisce ai pubblici ministeri di compiere grandi passi in questo tipo di casi entro 60 giorni dalle elezioni, Durham ha tempo fino al venerdì prima del Labor Day per fare una mossa fuori da questa finestra. Finora, Durham è stato abbastanza silenzioso riguardo alle sue indagini sull’indagine del Russiagate sul presidente Trump e sulla sua campagna del 2016. Ciò ha suscitato molte speculazioni su chi potrebbe essere perseguito e quando l’azione potrebbe essere intrapresa.

Poiché l’indagine coinvolge l’amministrazione Trump e funzionari di alto livello dell’amministrazione precedente, incluso l’ex vicepresidente Joe Biden, le conseguenze dell’indagine potrebbero essere significative. Le note che sono state recentemente declassificate dall’FBI mostrano che Biden ha fornito input nelle indagini del consigliere di Trump Michael Flynn.

Al centro del caso c’è lo spionaggio del governo sulla campagna di Trump durante le elezioni del 2016 e se tale sorveglianza fosse giustificata o fosse stata semplicemente fatta per diffamare la campagna di Trump e, in seguito, la sua presidenza. L’indagine di Durham sta anche esaminando il potenziale ruolo della CIA e se essa ha monitorato i consiglieri di Trump all’estero o ha violato le leggi che limitano lo spionaggio dei cittadini americani.

Se Durham dovesse pubblicare un rapporto che indichi una corruzione diffusa o cercare un’accusa penale o accordi di patteggiamento che coinvolgono ex funzionari dell’amministrazione Obama-Biden, potrebbe allontanare gli elettori da Biden. Se la notizia viene rinviata a dopo le elezioni, invece, potrebbe scoraggiare la base di Trump.

L’ex assistente del direttore dell’FBI Chris Swecker, che ha lavorato con Durham in indagini precedenti, ha affermato che ritardare i lavori fino a dopo le elezioni potrebbe rischiare di gettare via 16 mesi di indagini. Se Biden venisse eletto, il lavoro di Durham verrebbe sostanzialmente annullato poiché il nuovo presidente probabilmente sostituirebbe Barr e Durham. Tuttavia, se i rapporti e le potenziali accuse fossero resi pubblici prima delle elezioni, una potenziale amministrazione Biden sarebbe nella posizione in cui dovrebbe intraprendere ulteriori azioni o chiudere l’indagine per poi sembrare ancora più corrotta.

“John lo sa e mi aspetto che agirà prima delle elezioni”, ha detto Swecker.

Potrebbero essere imminenti accuse penali

Crede inoltre che qualsiasi azione intrapresa da Durham andrà oltre un rapporto. In effetti, si aspetta che vengano annunciate accuse penali. Ha detto che Durham non è “schizzinoso” quando si tratta di intentare accuse e pensa che il caso sarebbe stato chiuso a questo punto se i crimini non fossero stati scoperti. Ha anche sottolineato la mancanza di fughe di notizie dall’ufficio di Durham come ulteriore prova che un grave caso di corruzione è in corso.

Il procuratore generale ha affermato che Obama e Biden non sono obiettivi nel caso, ma alcuni esperti ritengono che l’ex avvocato dell’FBI Kevin Clinesmith potrebbe essere uno dei punti focali delle indagini per il suo ruolo nel curare un account e-mail utilizzato per ottenere l’approvazione della sorveglianza per l’ex consigliere della campagna di Trump: Carter Page. Anche una fuga di informazioni sensibili a un editorialista del Washington Post sulle conversazioni che coinvolgono il consigliere per la sicurezza nazionale di Trump Michael Flynn e l’ambasciatore russo potrebbe essere un’area di interesse delle indagini.

Trump ha detto a Fox Business di aver sentito che le informazioni che Durham ha scoperto nelle indagini sono “mozzafiato” e dimostreranno di essere stato maliziosamente preso di mira dall’amministrazione Obama.

I democratici sembrano essere piuttosto preoccupati per questa indagine e il recente rifiuto di Barr di impegnarsi a non pubblicare il rapporto di Durham prima delle elezioni indica che potremmo ottenere alcune risposte entro le prossime settimane.

Fonte: stillnessinthestorm

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

2 commenti su “L’inchiesta sull’Obamagate sta per entrare nel vivo

  1. “rilasciare una bomba prima dell’inizio dell’estate”???…credevo di essere alla fine di agosto!…

    "Mi piace"

Rispondi a Gigi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: