Finanza Geopolitica

Lo Stato Profondo e il Reset globale

Immagina di vivere in un mondo in cui ti viene detto che è una democrazia – e potresti persino crederci – ma in effetti la tua vita e il tuo destino sono nelle mani di alcuni oligarchi ultra ricchi, ultra potenti e ultra disumani.

Possono essere chiamati Deep State, o semplicemente la Bestia, o qualsiasi altra cosa oscura o irrintracciabile – non importa. Sono inferiori allo 0,0001%.

Per mancanza di una migliore espressione, chiamiamoli per ora “individui oscuri”.

Questi individui oscuri che fingono di governare il nostro mondo non sono mai stati eletti. Non abbiamo bisogno di nominarli. Capirai chi sono, e perché sono famosi, e alcuni di loro totalmente invisibili.

Hanno creato strutture o organismi senza alcun formato legale. Sono completamente fuori dalla legalità internazionale. Forse ci sono diverse bestie in competizione. Ma hanno lo stesso obiettivo: un nuovo ordine mondiale (NWO o OWO).

Questi oscuri individui gestiscono, ad esempio, il World Economic Forum (WEF – che rappresenta la grande industria, le grandi finanze e la grande fama), il gruppo di 7 – G7, il gruppo di 20 – G20 (i leader delle nazioni economicamente “più forti” ).

Ci sono anche alcune entità minori, chiamate Bilderberg Society, Council on Foreign Relations (CFR), Chatham House e altro.

I membri di tutti loro si sovrappongono. Anche questo ampliato primo piano combinato rappresenta meno dello 0,001%. Si sono tutti sovrapposti ai governi eletti e costituzionali nazionali sovrani, e al corpo multinazionale mondiale, le Nazioni Unite.

In realtà, hanno cooptato le Nazioni Unite per fare le loro offerte. I direttori generali delle Nazioni Unite, così come le DG delle molteplici organizzazioni secondarie delle Nazioni Unite, sono scelti principalmente dagli Stati Uniti, con il cenno consenziente dei loro vassalli europei, in base al profilo politico e psicologico del candidato.

Se la sua “esibizione” come capo delle Nazioni Unite o capo di una delle organizzazioni secondarie delle Nazioni Unite fallisce, i suoi giorni vengono conteggiati. Cooptati o creati dalla Bestia sono anche l’Unione Europea, le Organizzazioni di Bretton Woods, la Banca Mondiale e il FMI, nonché l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) – e, se succede qualche imprevisto, l’International Criminal Court (ICC), che non ha poteri ma serve solo per assicurarsi che la legge sia sempre dalla parte dei senza legge.

Oltre alle principali istituzioni finanziarie internazionali, WB (Banca Mondiale) e FMI (Fondo Monetario Internazionale), ci sono le cosiddette banche di sviluppo regionale e istituzioni finanziarie simili, che tengono sotto controllo i paesi delle rispettive regioni.

Alla fine la sua economia finanziaria o di debito che controlla tutto, il brigantaggio neoliberista occidentale ha creato un sistema in cui la disobbedienza politica può essere punita dall’oppressione economica o dal furto totale dei beni nazionali nei territori internazionali. Il comune denominatore del sistema è il (ancora) onnipresente dollaro USA.

“Individui non selezionati”

Il primato di questi oscuri individui non eletti diventa sempre più esposto. Noi, il Popolo, consideriamo “normale” che attacchino a quelle che chiamiamo – o che una volta eravamo orgogliosi di chiamare, le nostre nazioni sovrane e i governi sovrani eletti. Siamo diventati un gregge di pecore obbedienti.

La Bestia ha gradualmente e silenziosamente preso il sopravvento. Non ci siamo accorti. È la tattica del salame: tagli una fetta piccola dopo l’altra e, quando il salame è sparito, ti rendi conto che non ti è rimasto nulla, che la tua libertà, i tuoi diritti civili e umani sono spariti. Ormai è troppo tardi.

Il caso in questione è il Patriot Act statunitense. Era preparato molto prima dell’11 settembre. Una volta che “l’11 settembre” è “accaduto”, la legislazione sui patrioti è stata portata rapidamente al Congresso in pochissimo tempo – per la futura protezione della gente – la gente l’ha richiesta per paura – e – il Patriot Act si è preso circa il 90% della libertà della popolazione americana. Per sempre.

Siamo diventati schiavi della Bestia. La bestia chiede il fallimento delle nostre economie, decide chi dovrebbe essere incatenato dal debito, quando e dove dovrebbe scoppiare una pandemia, e le condizioni per sopravvivere alla pandemia, ad esempio il confinamento sociale.

E per finire, gli strumenti che la Bestia usa, in modo molto intelligente, sono un minuscolo nemico invisibile, chiamato virus, e un enorme ma anche invisibile mostro, chiamato PAURA.

Questo ci tiene lontani dalla strada, dalle riunioni con i nostri amici e dal nostro intrattenimento sociale, teatro, sport o un picnic nel parco.

Presto la Bestia deciderà chi vivrà e chi morirà, letteralmente – se lo lasciamo. Questo potrebbe non essere lontano.

Un’altra ondata di pandemia e le persone possono chiedere, urlare e urlare per un vaccino, per la loro morte, e per la super dipendenza da Big Pharma – e verso gli obiettivi degli eugenetici che vagano palesemente nel mondo.

C’è ancora tempo per dire collettivamente NO. Collettivamente e solidalmente.

Prendi l’ultimo caso di palese impostura. Convenientemente, dopo che la prima ondata di Covid-19 era passata, almeno nel Nord del mondo, dove sono state prese le principali decisioni mondiali, all’inizio di giugno 2020, il presidente non eletto del WEF (World Economic Forum), Klaus Schwab, ha annunciato “The Great Reset” (Il grande azzeramento).

Approfittando del collasso economico – lo shock di crisi, come in “The Shock Doctrine” – Schwab, uno dei leader della Bestia, annuncia apertamente ciò di cui il WEF discuterà e deciderà per il mondo che verrà nel prossimo Forum di Davos nel gennaio 2021. Per maggiori dettagli vedi questo.

Accetteremo l’agenda del WEF non eletto?

Si concentrerà opportunamente sulla protezione di ciò che resta della Madre Terra; ovviamente al centro sarà il “riscaldamento globale” a base di CO2 artificiale.

Lo strumento per la protezione della natura e dell’umanità sarà l’agenda delle Nazioni Unite 2030 – che equivale agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (OSS). Si concentrerà su come ricostruire l’economia globale intenzionalmente distrutta, nel rispetto dei principi (“verdi”) dei 17 SDG.

Intendiamoci, è tutto collegato. Non ci sono coincidenze La famigerata Agenda 2021 che coincide e integra la cosiddetta Agenda (ONU) 2030, sarà debitamente inaugurata dalla dichiarazione ufficiale del WEF di The Great Reset, nel gennaio 2021.

Allo stesso modo, l’attuazione dell’agenda di The Great Reset è iniziata nel gennaio 2020, con il lancio della pandemia Corona – prevista per decenni con gli ultimi eventi visibili come il Rockefeller Report del 2010 con il suo “Lockstep Scenario”, ed Event 201, del 18 Ottobre a New York che ha simulato al computer una pandemia di corona, lasciando in 18 mesi 65 milioni di morti e un’economia in rovina, in scena solo poche settimane prima del lancio dell’attuale pandemia di corona.

Le lotte razziali

Le rivolte razziali, iniziate dal movimento Black Lives Matter (finanziato dalla Ford Foundation e dalla Open Society Foundation di Soros), a seguito del brutale assassinio dell’afroamericano George Floyd da parte di una banda della polizia di Minneapolis,  si sono diffuse come il fuoco in più di 160 città, prima negli Stati Uniti, poi in Europa – non solo sono collegate all’agenda della Bestia, ma erano una comoda deviazione dalla catastrofe umana lasciata dal Covid-19.

Il nefasto piano della Bestia per attuare ciò che sta realmente dietro l’Agenda delle Nazioni Unite 2030 è scritto nella poco nota Agenda ID2020.

È stata creata e finanziata dal guru della vaccinazione Bill Gates, così come GAVI (Global Alliance for Vaccines and Immunizations), l’associazione di Big Pharma – coinvolta nella creazione dei vaccini corona e che finanzia insieme alla Bill e Melinda Gates Foundation (BMGF) una parte importante del bilancio dell’OMS.

Il Great Reset, come annunciato dal Klaus Schwab del WEF, è presumibilmente implementato dall’Agenda ID2020. È più di quanto sembri. L’agenda ID2020 è persino ancorata negli SDG (Obiettivi di Sviluppo Sostenibile), poiché l’SDG 16.9 “entro il 2030 fornisce l’identità [digitale] legale a tutti, inclusa la registrazione gratuita delle nascite”.

Questo si adatta perfettamente all’obiettivo generale di SDG 16:

“Promuovere società pacifiche e inclusive per lo sviluppo sostenibile, fornire accesso alla giustizia per tutti e costruire istituzioni efficaci, responsabili e inclusive a tutti i livelli.”

Seguendo il percorso ufficiale dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per il conseguimento degli OSS, l’Agenda ID2020 di “attuazione” – attualmente in fase di sperimentazione su scolari in Bangladesh – fornirà identificativi digitalizzati possibilmente sotto forma di nano-chip impiantati insieme a programmi obbligatori di vaccinazione , promuoverà la digitalizzazione del denaro e il lancio del 5G, che sarebbe necessario per caricare e monitorare i dati personali sui nano chip e per controllare la popolazione.

L’agenda ID2020 includerà molto probabilmente anche “programmi” attraverso la vaccinazione? – di ridurre significativamente la popolazione mondiale. L’eugenetica è una componente importante nel controllo della futura popolazione mondiale nell’ambito di NOW / OWO – vedi anche Georgia Guidestones, misteriosamente costruita nel 1980.

L’élite al potere ha usato il blocco come strumento per realizzare questo programma. La sua attuazione avrebbe naturalmente dovuto affrontare massicce proteste, organizzate e finanziate sulla stessa linea delle proteste e dimostrazioni del BLM.

Potrebbero non essere pacifiche – e potrebbero non essere pianificate come pacifiche. Perché per controllare la popolazione negli Stati Uniti e in Europa, dove ci si aspetterebbe la maggior parte dei disordini civili, è necessaria una militarizzazione totale della popolazione. Questo è ben preparato.

Nel suo saggio “The Big Plantation”, John Steppling riporta da un articolo del NYT che un “minimo di 93.763 mitragliatrici, 180.718 scatole di cartucce, centinaia di silenziatori e un numero sconosciuto di lanciagranate sono stati forniti ai dipartimenti di polizia statali e locali nel Stati Uniti dal 2006.

“Questo è in aggiunta ad almeno 533 aerei ed elicotteri e 432 MRAP – veicoli blindati protetti da un’imboscata alta 30 piedi e 30 tonnellate resistenti alle mine da 30 tonnellate con torrette a pistola e più di 44.900 equipaggiamenti per la visione notturna, usati regolarmente nelle incursioni notturne in Afghanistan e Iraq “.

Aggiunge che questa militarizzazione fa parte di una tendenza più ampia. Dalla fine degli anni ’90, circa l’89% dei dipartimenti di polizia negli Stati Uniti al servizio di popolazioni di almeno 50.000 persone possedeva una PPU (unità paramilitare della polizia), quasi il doppio di quella esistente alla metà degli anni ’80. Si riferisce a queste forze di polizia militarizzate come alla nuova Gestapo.

Anche prima di Covid, negli Stati Uniti circa il 15-20% della popolazione era al di sopra o al di sotto della soglia di povertà.

L’annichilamento economico dopo il blocco raddoppierà almeno quella percentuale – e aumenterà proporzionalmente il rischio di turbolenze civili e scontri con le autorità – migliorando ulteriormente il ragionamento per una forza di polizia militarizzata.

China Crypto RMB

Ovviamente nessuno di questi scenari verrà presentato al pubblico dal WEF nel gennaio 2021. Si tratta di decisioni prese a porte chiuse dai principali attori della Bestia.

Tuttavia, questo grandioso piano del Grande Ripristino non deve avvenire.  Almeno metà della popolazione mondiale e alcuni dei paesi più potenti, economicamente e militarmente – come la Cina e la Russia – si oppongono.

“Reset” forse sì, ma non in questi termini occidentali.

In effetti, un ripristino di questo tipo sta già avvenendo con la Cina che sta per lanciare una nuova criptovaluta basata su blockchain, la criptovaluta RMB o yuan.

Questa non è solo una valuta forte basata su una solida economia, ma è anche supportata dall’oro.

Mentre il presidente Trump continua a distruggere la Cina per commercio sleale, per aver gestito in modo improprio la pandemia da Covid, per aver rubato i diritti di proprietà. Mentre Trump sostiene che la Cina dipende dagli Stati Uniti e che gli Stati Uniti taglieranno i rapporti commerciali con essa – o taglieranno del tutto i legami, la Cina si è accorta del bluff di Trump.

La Cina si sta tranquillamente riorientando verso i paesi dell’ASEAN più il Giappone (sì, il Giappone!) E la Corea del Sud, dove gli scambi già oggi rappresentano circa il 15% di tutti gli scambi cinesi e si prevede che raddoppieranno nei prossimi cinque anni.

Nonostante il blocco e l’interruzione degli scambi, le esportazioni complessive della Cina sono riprese con un aumento del 3,2% ad aprile (rispetto ad aprile 2019).

Questa performance complessiva delle esportazioni cinesi è stata tuttavia accompagnata da un drammatico declino del commercio USA-Cina. Le esportazioni cinesi verso gli Stati Uniti sono diminuite del 7,9% ad aprile (rispetto ad aprile 2019).

È chiaro che la stragrande maggioranza delle industrie statunitensi non potrebbe sopravvivere senza le catene di approvvigionamento cinesi. La dipendenza occidentale dalle forniture mediche cinesi è particolarmente forte. Per non parlare della dipendenza cinese dai consumatori statunitensi.

Nel 2019, il consumo totale degli Stati Uniti, circa il 70% del PIL, ammontava a $ 13,3 trilioni, di cui un discreto importo viene importato direttamente dalla Cina o dipendente da ingredienti dalla Cina.

I maestri del WEF si trovano di fronte a un vero dilemma. Il loro piano dipende molto dalla supremazia del dollaro che continuerebbe a consentire di emettere sanzioni e confiscare beni da quei paesi che si oppongono al dominio statunitense; un’egemonia del dollaro che consentirebbe di imporre i componenti del sistema del Great Reset, come descritto sopra.

Allo stato attuale, il dollaro è denaro fiat, denaro debito creato dal nulla. Non ha alcun supporto. Pertanto, il suo valore come valuta di riserva sta diminuendo sempre più, soprattutto nei confronti del nuovo cripto-yuan cinese.

Per competere con lo yuan cinese, il governo degli Stati Uniti dovrebbe allontanarsi dal suo regime monetario Ponzi, separandosi dal Federal Reserve Act del 1913 e stampando la sua propria economia statunitense e possibilmente denaro con criptovaluta (cripto) – non denaro FED, come nel caso di oggi.

Ciò significherebbe tagliare i legami di oltre 100 anni con la FED di proprietà del clan Rothschild e Co. e creare una vera banca centrale di proprietà dei popoli.

Non impossibile, ma altamente improbabile. Qui, due Bestie potrebbero scontrarsi, poiché è in gioco la potenza mondiale.

Nel frattempo, la Cina, con la sua filosofia di creazione senza fine, continuerebbe a avanzare inarrestabilmente con il suo gigantesco piano di sviluppo socioeconomico del 21° secolo, la Belt and Road Initiative, collega il mondo con infrastrutture per il trasporto terrestre e marittimo, con ricerca congiunta e progetti industriali, scambi culturali – e non ultimo, commercio multinazionale con caratteristiche “win-win”, uguaglianza per tutti i partner – verso un mondo multipolare, verso un mondo con un futuro comune per l’umanità.

Oggi già più di 120 paesi sono associati alla BRI – e il campo è aperto affinché altri possano unirsi – e sfidare, smascherare e scollegare The Great Reset of the West.

Di: Peter Koenig

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

2 commenti su “Lo Stato Profondo e il Reset globale

  1. Maria Soldani

    Questa narrativa sopra esposta non mi convince affatto…Da una parte svela gli inganni dietro il Global Reset,e le varie altre mistificazioni progettuali come l’Agenda ID2020 ,il World Economic Forum, previsto per Gennaio 2021, il Gavi ed altre elaborate mire dei globalisti incalliti che detengono risorse e potere mondiali..
    Dall’altro , scorgo una velata critica alle politiche estere di Trump, riguardo la Cina…Sono corsa così a dare una controllatina al sito dell’Autore e, come prevedevo, appare piuttosto favorevole all’economia e all’ egemonia cinese… Non so , ma questo mi ha insospettito alquanto…Senza offesa, ma ho la sensazione netta che gli Articoli dell’Autore siano mirati a fare apparire, agli occhi della gente, il colosso cinese come una sorta di Nazione virtuosa, da cui prendere esempio…Questo è proprio ciò che i Democratici del Deep State stanno veicolando persino qui, a giudicare dai collaborativi notiziari e report dei media italiani….Una mera casualità ?

    "Mi piace"

    • Federica

      Pienamente in accordo con tutto ciò che hai scritto! Ormai molti di noi hanno capito come agisce il PPC e lì dove si erge la sua influenza non sfugge alle nostre analisi. Non ho ancora indagato sull’autore dell’articolo, ma si intuisce subito una sua personale visione dei fatti attuali, e devo dire, per noi popoli, anche piuttosto pessimista. Del tipo “nulla può fermare i globalisti”. Vedremo come andrà a finire, comunque, perché su una cosa ha pienamente ragione purtroppo: troppe sono le pecore obbedienti….

      "Mi piace"

Rispondi a Federica Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: