Iniziative

Salviamo l’Italia, costi quel che costi!

#IUSBELLI
Il diritto bellico, in diritto, identifica l’insieme delle norme giuridiche – sia a livello nazionale sia internazionale – che disciplinano la condotta delle parti in una guerra.
Noi, per chi non se ne fosse accorto, beato lui!, siamo in guerra e lo siamo perchè ci hanno dichiarato guerra. Chi dovrebbe difendere e tutelare la nostra libertà, la nostra sicurezza e i nostri diritti, fa di tutto per violarli.

Ius belli è quando il Governo del Conte Kalergi, insieme all’inquilino del Colle, sembrerebbe rispondere a poteri sovranazionali e di conseguenza andrebbero entrambi accusati – ma nessuno lo fa – di ALTO TRADIMENTO.
Alto tradimento perchè, con la scusa di una falsa emergenza sanitaria planetaria, imposta nell’interesse del Nuovo Ordine Mondiale, è stata attuata, soprattutto in Italia, usata come esperimento mondiale, una vera e propria emergenza democratica; il tutto, con la complicità della minoranza che erroneamente continuiamo a chiamare opposizione.
A questa ”dittatura”, che a molti fascisti rossi e radical shit, i cosiddetti antifascisti a prescindere, piace,  bisogna rispondere in due modi: con lo ius belli o con l’insurrezione popolare.

So che ci sono tante denunce da parte di avvocati, giuristi e costituzionalisti, ma non ho nessuna speranza di vedere alla sbarra gli artefici di veri e propri crimini contro l’umanità.

L’insurrezione popolare non è da confondere con l’insurrezione armata, lontanissima dal mio modo di pensare, perchè una popolazione oppressa puo’ e deve insorgere pacificamente, contrariamente a quanto fanno quei cazzisti e cazzari smanettatori social, che propendono per l’insurrezione violenta.

Di insurrezione popolare ha parlato anche Vittorio Sgarbi.
Proroga stato di emergenza, Sgarbi: “sola risposta dovrà essere insurrezione”

Il mio invito è di scendere in piazza a testa alta, schiena dritta e con le mani in tasca per dimostrare la nostra azione pacifica e protestare contro questo governo che, oltre a essere il 5° esecutivo abusivo, viola la Costituzione e le libertà costituzinali dei cittadini con vessazioni, oppressione, minacce, repressione e violenze psicologiche e coercitive come i TSO.

Se avete a cuore l’Italia, se avete a cuore il vostro futuro e soprattutto quello dei vostri figli, scendete in piazza anche voi, SalviAMOl’Italia, costi quel che costi. Datevi un motivo per poter guardare negli occhi i vostri figli e nipoti. Almeno provateci. Non risolveremo nulla, ma vi metterete a posto con la coscienza.

Se interessati ad organizzare una manifestazione nella vostra città, contattate il 3398704071.
Astenersi facinorosi, violenti, ribelli, rivoluzionari da tastiera.
E’ con la legalità che si sconfigge l’illegalità.

Armando Manocchia

Tratto da: imolaoggi

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

Un commento su “Salviamo l’Italia, costi quel che costi!

  1. L’ha ripubblicato su IL REIETTO.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: