Divulgazione

Caso Palamara: dentro pure Marco Travaglio e i giornalisti di Repubblica

La possiamo chiamare “magistratopoli”, l’inchiesta che dalla scorsa estate sta distruggendo, lentamente, ma inesorabilmente, la magitratura italiana dopo che le trame oscure e inquietanti di un magistrato, Luca Palamara, sono state scoperte e rese pubbliche attraverso le intercettazioni dei giornali. Il quadro offerto agli occhi dei cittadini è desolante, anche da un punto di vista umano e morale. Esistono magistrati che fanno queste cose? Fino a ieri sarebbe stato un luogo comune. Oggi è ufficiale, purtroppo. Diciamo purtroppo perchè come sito per la preparazione giuridica al concorso per magistrati non ci diverte leggere quello che sta succedendo. Due sono gli aspetti tremendi di questa vicenda che dovrebbero porre più di un interrogativo in Mattarella.

I due obiettivi della organizzazione. Da un lato, le trame di oscuri magistrati per assumere il controllo delle procure e orientare/condizionare le inchieste (per agevolare amici e colpire nemici) e in questo senso siamo ai livelli della P2 di Licio Gelli. Dall’altro, l’uso politico dei processi, ovvero colpire e/o agevolare uomini politici legati alle formazioni politiche vicine all’organizzazione. Quasi tutti dell’area di destra o centrista/cristiana. La chat contro Salvini è l’esempio di questa triste vicenda. Ricordate cosa è stato detto? Ha ragione, gli italiani la pensano come lui ma dobbiamo colpirlo. Ma colpirlo per conto di chi? Del PD? Della sinistra in generale? Di poteri internazionali?

Dentro pure Travaglio e i giornalisti di Repubblica. Sopra si parlava di “uso politico dei processi”. Come si sfrutta un processo per fini politici? Molto semplice. E’ necessario che la carta stampata sia del gioco, altrimenti tutti gli sforzi dell’organizzazione non servono se la gente non viene informata (o condizionata) in un certo modo. Il sistema è semplice. Si organizza una inchiesta su un politico scomodo. Non è importante se le accuse siano serie o meno, perchè se la stampa cavalca la notizia in un certo modo il gioco è fatto. Tutto ciò implica legami profondissimi, anche personali con i giornalisti. I nomi sono usciti fuori dalle intercettazioni di Palamara pubblicate sui giornali. Si parla di Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidiano e di Repubblica. In parole povere, si costruisce un processo e giornalisti compiacenti mettono a disposizione la loro penna per fornirne una interpretazione conforme agli obiettivi perseguiti dall’organizzazione. Viene da pensare che l’Anm più che una organizzazione nata per diffondere i valori di indipendenza e autonomia della magistratura previsti dalla Costituzione, sia una sorta di partito politico che funge da “collegamento” tra la magistratura ed il mondo politico.

Fonte: bezzifer

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

Un commento su “Caso Palamara: dentro pure Marco Travaglio e i giornalisti di Repubblica

  1. Maria Soldani

    Un analisi che, visto il fondo del barile da noi italiani toccato, soprattutto negli ultimi mesi, non mi stupisce affatto … Il sistema di correlazione tra i due poteri, fatto di muto soccorso e stretta collaborazione in malaffare, nonché l’assoluta mancanza di obiettività dell’informazione , sono l’esatto “polso della situazione” della politica infetta (quella si, affetta da carica altamente virale e davvero mortale , erroneamente attribuita al Covid o ad altre disastrose patologie , perfetto alibi in realtà per la distruzione, mascherata da buone intenzioni, dell’intera società umana ! ) che stiamo vedendo e subendo tutti…
    Ci occorrono urgentemente, su tutti i fronti, persone coraggiose, determinate, di specchiata moralità, che siano decisamente in controtendenza con tale andazzo , che facciano esattamente l’opposto, vale a dire essere a completo servizio del popolo e non, come invece sta avvenendo, al servizio dei propri loschi affari e al soldo compiacente di certi interessi privati di gruppi politici, lobby finanziarie e…Logge varie.
    Confido nella parte sana, onesta, responsabile, della società, la quale ancora esiste e resiste in sottofondo, pur tra mille difficoltà, nel nostro Paese, a dispetto della parte malata, direi addirittura marcia, tuttora soggiogata da istanze maligne, tese pervicacemente a fare soccombere con tanti biechi attacchi virali l’intero corpo della nostra Nazione. Dio aiuti quella parte sana e volenterosa e ci liberi per sempre dal male (morbo morale ) presente.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: