Finanza

Paragone: guerra al cash, e i paradisi fiscali Ue ci rapinano

Tetto ai contanti: sembra questa la grande rivoluzione partorita dal ministro Gualtieri. Una rivoluzione che piace anche molto a Conte, quindi non più i 3000 euro che possiamo prelevare al mese ma un tetto che si attesterebbe sui 1000 euro. E io non posso prelevare più di 1000 euro, come se quei soldi non fossero miei. Quindi in qualche modo devo sempre bussare alle porte delle banche per chiedere di prendere un po’ di soldi (miei). Ma questo lo si fa perché è in atto “la grande lotta all’evasione fiscale”, il grande contrasto all’evasione fiscale. Quindi, se tu andavi al ristorante e non pagavi si diceva che eri un ladro; adesso, invece, se vai al ristorante e paghi in contanti sei un possibile evasore. Stiamo attenti, perché poi con questa logica diventerà assolutamente un punto cardine, quello per cui devi essere tu a dimostrare di non essere un evasore fiscale: c’è il ribaltamento dell’onere della prova, che per alcuni versi è già così. Perché quando ti arrivano le cartelle esattoriali devi dimostrare di avere pagato; se tu mi contesti qualcosa, invece, dovresti essere tu a portarmi le prove che sono un evasore. E sarà sempre peggio: per il solo fatto di pagare in contanti sei già marchiato come possibile evasore fiscale, e quindi ti devi giustificare.

Devi portare le prove per cui non sei un evasore fiscale. Ragazzi, guardate dove sta arrivando, ormai, il paradosso. Però lo si fa perché c’è da contrastare l’evasione fiscale. E chi lo fa? Lo fa un paese che fa parte dell’Unione Europea, che mantiene dei veri e propri paradisi fiscali. Su “Repubblica” leggiamo: “La bolla dei fondi-fantasma. Finanza: c’è un grande buco nero, 15 trilioni di dollari in fondi-fantasma. Hanno raggiunto i 15 trilioni di dollari i soldi depositati nei paesi offshore, non per fare investimenti ma per sottrarli al fisco. Una cifra quasi uguale al Pil americano. E la metà di questi 15 trilioni di dollari (su per giù 7,5) se ne va in Lussemburgo e Olanda”. Cioè: due paesi dell’Unione Europea. Quindi noi non soltanto siamo in una Unione Europea che (come ho detto mille volte) favorisce gli evasori e gli elusori fiscali a norma di legge, ma in più vogliamo fare la guerra all’evasione fiscale andando a pizzicare i commercianti, gli artigiani e le professoresse che fanno le ripetizioni in nero.

Siamo all’assurdo: di 15 trilioni di dollari in fondi-fantasma, la metà se ne va in Lussemburgo e in Olanda, che sono paesi dell’Unione Europea – il Lussemburgo, peraltro, aveva dato praticamente alla Commissione Europea il suo principale campione, Juncker. Ma questo ovviamente non diventa l’assillo della classe politica e dei nostri giornali. E attenzione: mentre noi diciamo che non puoi prelevare più di 1000 euro, altrimenti forse sei un evasore fiscale, e non puoi pagare al ristorante con i soldi in contanti perché altrimenti sei un presunto evasore, dopo che cosa succede? Succede che, ancora una volta, l’Unione Europea, attraverso i 28 ministri finanziari dell’Ecofin, ha sfilato la Svizzera dalla “lista grigia”. Pensate: grandissimi! E non solo: hanno anche tolto dalla “lista nera” gli Emirati Arabi Uniti. E dire che l’Unione Europea già aveva in pancia dei veri e propri paradisi fiscali (possiamo chiamarlo “dumping fiscale”, ma in concetto è lo stesso).

Quindi tu hai Lussemburgo, Olanda, Malta, l’Irlanda – paesi dove puoi fare quello che vuoi, fiscalmente, ma a norma di legge. E adesso hanno sfilato la Svizzera dalla “lista grigia” dei paradisi fiscali “non collaborativi”, e hanno pure tolto dalla black list, la “lista nera”, gli Emirati Arabi Uniti. Tenete conto che l’Italia è uno dei paesi più colpiti, nei conti pubblici, dall’attività dei paradisi fiscali. E allora che cosa facciamo? Facciamo “la lotta all’evasione fiscale” abolendo il contante, di fatto dicendo a chi paga in contanti che è uno stronzo. Questa è la politica che facciamo. E poi, come se non bastasse, adesso sul cuneo fiscale ti diranno che ti danno forse 40 euro al mese in più. Meglio di niente, no? Quindi non ti devi lamentare. Ed è sempre la stessa logica, quella del “meglio di niente”: meglio un contrattino che un vero contratto, meglio un lavoretto che un vero lavoro, meglio una paga che la retribuzione. E ti devi accontentare, perché siamo in crisi. Siamo in crisi, ok? Intanto le banche, il mondo finanziario, continua a fare quel cazzo che vuole.

(Gianluigi Paragone, “Ecco dove sono i veri evasori, altro che il tetto al contante”, video-intervento su YouTube registrato il 15 ottobre 2019).

Tratto da: altrarealtà

Nicola Zegrini nasce a Roma nel 1970. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Appassionato di ogni forma d'arte, suona vari strumenti e compone sin da giovane poesie e canzoni. Avido lettore, si interessa ad argomenti esoterici e nel 2011 pubblica "Lo specchio del pensiero", il suo primo romanzo. Apre anche un blog di attualità, crescita personale e benessere e sia libro che sito riscuotono un discreto successo. Attualmente lavora come responsabile in un albergo nel centro di Roma.

0 commenti su “Paragone: guerra al cash, e i paradisi fiscali Ue ci rapinano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: